A propos de Pop Corn

OMAR SOSA & YILIAN CAÑIZARES @APDM

Avatar
Scritto da Paola Varricchio

Una musica con le radici a Cuba e i rami che abbracciano il mondo

Il Roma Jazz Festival 2016 si è chiuso mercoledì 23 novembre con un concerto di quelli che lasciano senza parole, di cui si ha anche un po’ timore di scrivere, per paura di tradirne la magia.
Omar Sosa e Yilian Cañizares hanno incantato il pubblico dell’Auditorium Parco della Musica. Entrambi con le radici ben piantate a Cuba e rami, fiori, foglie che abbracciano il mondo, hanno reso il tempo dell’ascolto un viaggio nell’anima profonda di innumerevoli musiche e culture.
Sosa al piano, fender rhodes e alle tastiere, una sorprendente Cañizares che gli tiene testa alla voce e al violino, il loro sembra quasi essere un passaggio simbolico dalla vecchia alla nuova generazione della musica cubana.
Yilian canta sia in spagnolo che in francese. Tra i pezzi più intensi un omaggio a Cuba e alla nostalgia che si prova quando vi si sta lontani, De l’Avana y otras nostalgias e un pezzo dedicato a Ochùn, divinità legata alla religione yoruba che a Cuba rappresenta la protettrice dell’amore, della donna e anche dei violinisti, dice Yilian.
Non solo due grandi musicisti, due pifferai magici. Sosa vestito di bianco sembra quasi una figura divina, suona anche più strumenti contemporaneamente, poi si alza, scherza col pubblico, omaggia più volte Yilian fino ad invitarla a ballare per alcuni secondi. Il passaggio che la musica fa è dalla sua anima al corpo, solo dopo arriva alla testa e alle mani che suonano il piano. Ma nel corpo, è lì che la musica prende forma e per magia riempie tutti noi, incantati ad ascoltare.
Dal cubano al jazz passando per la musica classica e il rap con una vena afro molto accentuata, un concerto di una bellezza disarmante che si chiude con El Churrero, un pezzo cubano. Il tempo sembra volare e noi con lui, un viaggio da cui non si tornerebbe mai, di cui si sarà sempre riconoscenti.

About the author

Avatar

Paola Varricchio

Napoletana di nascita e di appartenenza.
Nel 2010, da una coabitazione con tre amici in un appartamento-bed&breakfast nel cuore del centro storico napoletano, comincio, quasi per gioco, un' avventura chiamata Frammenti: l'apertura di uno spazio di condivisione e di ascolto.
Una cantina, un piccolo palco, l'amplificazione presa in prestito, cuscinoni a terra e tavolini ikea, poi l'acquisto di un pianoforte, il susseguirsi di rassegne musicali dedicate al cantautorato ed alla musica indipendente. D'estate l'organizzazione di alcune date fuori da casa nostra, in luoghi all'aperto ma sempre privati, intimi e quotidiani, che esprimessero vissuto e condivisione. Poi, ancora, alcune date che ci hanno aperto non porte ma portoni, come quello bello grosso del Maschio Angioino. Sei anni indimenticabili, dove affondano le radici del mio amore per la musica indipendente, non quella dei grandi palchi, ma quella appassionata delle grandi sensibilità che, spesso, nascono nelle cantine come la nostra, e tante volte ci rimangono.

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi