Recensioni

Nularse – Sospesi

Orecchiabile ma non banale, profondo ma certo non noioso, questo il nuovo album di Nularse

Sobrio, orecchiabile ma non banale, profondo ma certo non noioso, out il ventinove di Marzo u.s. per Fresh Yo Label, questo CD di Nularse rappresenta la quintessenza dell’intrattenimento intelligente e rigenerante ma anche dell’impegno e dell’introspezione poetica in musica.
Nove brani per circa quaranta minuti complessivi di inebrianti note musicali, l’album, che si intitola “Sospesi”, mischia levità e spessore poetico, elettronica e chitarra acustica in un tutt’uno da cantautore dei nostri giorni personale, delicato, emozionale. Non che le suggestioni esterne non si facciano sentire (i Tiro Mancino, per esempio, riemergono qua e la, tra i solchi), tuttavia abbiamo trovato in queste canzoni quel quid che solitamente manca in produzioni dello stesso genere.
“È un disco”, scrive sui social Nularse a proposito di “Sospesi”, “che parla di quei limbi dove sentirsi al sicuro, delle attese che temiamo, di quando viviamo sospesi tra passato e futuro, speranze e nostalgia, e cerchiamo una tregua dal mondo, o forse solo da noi stessi.” Estremamente intimo e sentito, dunque, l’album di Nularse, sul piano dei contenuti, con testi interamente cantati nella nostra lingua. Sul piano più strettamente musicale e strumentistico, la nuova fatica di Alessandro Donin (è, questo, il nome dell’artista all’anagrafe) ci è apparsa minimale (pochi gli strumenti utilizzati), del tutto priva di sovrastrutture, piuttosto omogenea quanto a ritmi ed andamento musicale dei vari pezzi.
Le musiche sono state composte da Nularse che con Edoardo Fracassi ha curato una attenta ed equilibrata supervisione artistica. Segnaliamo peraltro la presenza di Saturnino Celani (Jovanotti) al basso in “E’ tutto qui” (un brano con il basso elettrico, appunto, e coretti simil-west coast in bella evidenza). “Incantato”, “Non Cambierà”, “Ruggine”, “Tregua”, sono alcuni dei titoli di un CD che merita attenzione. Buon ascolto!

About the author

Giovanni Graziano Manca

Giovanni Graziano Manca

Pubblicista, poeta, ha collaborato e collabora alla redazione di numerose riviste cartacee e web scrivendo di musica, poesia, letteratura, cinema ed altro. Ha pubblicato alcuni volumi di poesia (In direzione di mete possibili, Lieto Colle, 2014; Voli in Occidente, Eretica, 2016) e uno di racconti brevi (Microcosmos, Sole, 2013). Vive a Cagliari, meravigliosa città del Mediterraneo.

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi