Cookie Policy

Sound&Vision

Mauro Ottolini @ Napoli Jazz Winter 2016

Mauro Ottolini: Il fascino della musica di New Orleans

 

Mauro Ottolini è senza dubbio uno dei jazzisti italiani più sperimentali, che lavora sul concettuale e sulla ricerca strumentale. Da anni esprime il proprio talento come compositore e come arrangiatore non solo per i progetti a suo nome, ma anche per importanti formazioni jazz, rock, pop e avant-garde tanto che nel 2012 è stato insignito del Top Jazz (riconoscimento assegnato dalla rivista Musica Jazz in base al voto espresso da 80 critici musicali del settore) come miglior musicista italiano dell’anno.
Sabato 19 marzo ha entusiasmato il pubblico con le note del progetto Smashing Triad (s) presentato alla Domus Ars nell’ambito della Rassegna Napoli Jazz Winter 2016 a cura dell’Associazione Napoli Jazz Club diretta da Michele Solipano.
In pieno stile New Orleans, il quartetto ha rielaborato in versioni molto originali brani di W.C. Handy, Rodgers, insieme alla musica di Radiohead e di Tom Waits, unitamente a momenti di improvvisazione che hanno emozionato e divertito il pubblico. Il repertorio è assolutamente geniale, in un attimo si viene trasportati in un’atmosfera assolutamente fuori dai soliti schemi del genere jazzistico, la bravura dei musicisti del gruppo è indiscutibile, ma la simpatia, la verve e la genialità di Ottolini fanno del progetto una vera chicca per intenditori.

Testo di Annamaria De Crescenzo
Foto di Mario Catuogno/Spectra Foto

Mauro Ottolini 4tet in “Smashing Triad (s)”:

Vanessa Tagliabue Yorke voce e pentole cromatiche
Mauro Ottolini – sousaphone, grancassa
Guido Bombardieri – clarinetto
Enrico Terragnoli – banjo , chitarra, charleston

 

About the author

Annamaria De Crescenzo

Annamaria De Crescenzo

Amante del ballo praticamente da sempre, la sua vita ludica è cambiata con l'incontro fortuito con una Nikon, ora riempie i vuoti lasciati dal ballo facendo foto e scrivendo recensioni sugli eventi musicali.

error: Sorry!! This Content is Protected !!