Cookie Policy

Interviste

Mani Pulite Crew – Intervista

Annalisa Nicastro

Il blocco dello scrittore non ci verrà mai. Esiste un pozzo senza fondo di sudiciume e male incarnato a cui noi possiamo attingere

Dopo vent’anni che c’è di nuovo o di vecchio che attira la vostra attenzione?
A vent’ anni di distanza dagli eventi che hanno tanto scosso la città di Tangentopoli possiamo dire con sicurezza: “Cosa cè di nuovo? Nulla. Mani Pulite dalla fossa alla culla”. A quanto pare siamo noi della vecchia guardia ad attirare maggiormente l’attenzione. Dovete sapere che novità come per esempio internet, nuove mode e avvenimenti storici importanti vengono decisi ad alti livelli con almeno vent’ anni di anticipo, quindi cosa potrebbe mai sorprenderci. Ne abbiamo viste veramente di tutti i colori.

La Mani Pulite Crew è al completo con B.O.B.O.” Cracksy, Leech O’ Jelly, Busy Nani, Marcelo Del U-3 e molti altri. La domanda è d’obbligo: cosa ne pensate dell’attuale situazione politica italiana?
La situazione farsesca della politica Italiana è specchio dei tempi e dello stesso popolo italiano. Non siamo soli, tutte le “grandi democrazie” sono nella stessa barca ma riescono tuttavia a non sputtanarsi del tutto. Quella rimane e rimarrà sempre una prerogativa del bel paese. Noi come gruppo siamo una rappresentazione fedele di questa farsa. Mani Pulite non crede nella “politica” delle elezioni, dei sondaggi, degli inciuci, anche se abbiamo contribuito a crearla. Un bellissimo detto che circolava prima ancora che l’Italia fosse nazione recita così: “Franza o Spagna, purché se magna”. Ecco da dove nasce il voto di scambio. Ecco perché l’italiano medio si approccia al voto esattamente nel modo in cui si approccia al tifo sportivo. Quindi votate Mani Pulite alle prossime finte elezioni ritardati! Così vi assicurate la pensione!

Con il rap cercate di raccontare verità scomode del nostro Paese, a che punto siete?Sopravviveremo grazie al rap?
Il nostro compito non è ancora finito. Anzi è appena iniziato. Sappiate che non saremo mai a corto di ispirazione per le nostre canzoni. Il blocco dello scrittore non ci verrà mai. Esiste un pozzo senza fondo di sudiciume e male incarnato a cui noi possiamo attingere. Per quanto riguarda la vostra sopravvivenza non ci metterei la mano sul fuoco. Anzi state pur certi che il vostro destino non è affatto roseo. Basta che vi guardiate intorno. Tutto sta cadendo a pezzi come da copione; un copione che abbiamo contribuito a scrivere noi che, invece, siamo sempreterni.

E’ da poco uscito il vostro nuovo album grazie all’etichetta discografica 20100 Records, da chi è composta?
La 20100 Records è una rispettabilissima etichetta discografica che, dietro nostra richiesta, ha accettato di pubblicare il nostro album e di sostenerci in questo progetto. Ciò non rende i ragazzi di 20100 Records nostri sodali di scorribande in parlamento; potremmo definire la nostra come un’alleanza di scopo.

Cosa pensate delle perfomance musicali live?le vostre come si caratterizzano?
Le performance live sono la nostra pièce de resistence! Assolutamente necessarie per far sì che ogni individuo sano di mente venga traviato e ritardato dalla nostra musica. I nostri concerti sono teatrali, farseschi ed estremamente energici. Vi consiglio di venirci a sentire alla nostra prossima esibizione che si terrà l’8 Giugno presso l’Arci Magnolia di Segrate (MI) in occasione del MI AMI Festival.

Annalisa Nicastro

About the author

Annalisa Nicastro

Annalisa Nicastro

Mi riconosco molto nella definizione di “anarchica disciplinata” che qualcuno mi ha suggerito, un’anarchica disciplinata che crede nel valore delle parole. Credo, sempre e ancora, che un pezzetto di carta possa creare effettivamente un (nuovo) Mondo. Tra le esperienze lavorative che porterò sempre con me ci sono il mio lavoro di corrispondente per l’ANSA di Berlino e le mie collaborazioni con Leggere: Tutti e Ulisse di Alitalia.
Mi piacciono le piccole cose e le persone che fanno queste piccole cose con amore e passione

error: Sorry!! This Content is Protected !!