Cookie Policy

Interviste

Madame Lingerie – Heroes #1

Annalisa Nicastro

Heroes lo interpreto personalmente come un messaggio per far sì che tutto ciò abbia fine e si possa pensare SERIAMENTE di collaborare in maniera intelligente per attirare questi ‘’poveri ragazzotti perduti nel Fashion’’ verso una sensazione di musica che loro, da bravi ascoltatori di Mp3 non conoscono affatto: LE BAND HANNO DEI NOMI E LE LORO CANZONI DEI TITOLI!!!

SOund36 è mediapartner di Heroes!!!. La stagione riparte alla grande il 5 ottobre con i Madame Lingerie. Ecco la nostra intervista alla band!

Siete sulla scena musicale da molti anni, cosa è cambiato secondo voi in tutti questi anni?
Che domandone!
Molto poco ed in peggio direi…per quel che riguarda il rock italiano, ci stiamo portando avanti ancora la scena anni ’90 e non c’é nulla di importante, al momento, che possa durare nel tempo, se non qualcosa che proviene da quegli anni… tutto ciò senza più l’aiuto e la cultura del centro sociale, che in quegli anni era fondamentale per portare avanti dei progetti ‘’alternativi’’ di qualsiasi arte.

I vostri testi sono tutti in Italiano, ci spiegate meglio questa scelta?avete mai pensato di cambiare lingua
La scelta deriva principalmente dal fatto che le domande che ci poni sono in italiano, quindi perché mai dovrei parlare male una lingua non mia?
No, se decidessimo di tradurci in inglese, faremmo cantare qualcun altro, sicuramente un madrelingua.

“D’amore, soldi e vendetta” è il vostro primo album, c’è un filo rosso che unisce le canzoni dell’album?
Si, che le abbiamo scritte noi!ahahahah…
Sicuramente portano dentro una certa rabbia che in quel momento era all’interno della band per una serie di spiacevoli vicissitudini discografiche…e non andrei oltre.

Fate parte del progetto Heroes, che cosa ne pensate? Cosa pensate sia necessario alla scena musicale italiana e romana in particolare?
Heroes e’ una bel progetto e, come dice la parola stessa, un’impresa vera e propria al tempo stesso.
E’ un discorso aperto, che potrebbe essere ancora più esteso, all’interno di Roma e perché no, anche su territorio nazionale.
Le band dovrebbero amarsi, rispettarsi, influenzarsi e stimolarsi vicendevolmente e fare sempre meglio e di più. Questo purtroppo non avviene quasi mai e me ne dispiaccio, siamo in un paese avido con poche risorse, quindi noi piccole band ‘’sfigatelle’’, siamo costrette a dover lottare per mantenere il nostro piccolo loculo nel tentativo, spesso vano, di non morire per implosione.
Heroes lo interpreto personalmente come un messaggio per far sì che tutto ciò abbia fine e si possa pensare SERIAMENTE di collaborare in maniera intelligente per attirare questi ‘’poveri ragazzotti perduti nel Fashion’’ verso una sensazione di musica che loro, da bravi ascoltatori di Mp3 non conoscono affatto: LE BAND HANNO DEI NOMI E LE LORO CANZONI DEI TITOLI!!!

Qual’è un vostro sogno musicale?

Poter vivere di musica al punto di non doverne fare più di buona…
Tipo Vasco Rossi… ;-)

www.heroesroma.com
Heroes: Roma come New York.
Powered by Frestyl!
5 Ottobre
Heroes #1
MADAME LINGERIE
@ Le Mura
via di Porta Labicana 24
Roma

About the author

Annalisa Nicastro

Annalisa Nicastro

Mi riconosco molto nella definizione di “anarchica disciplinata” che qualcuno mi ha suggerito, un’anarchica disciplinata che crede nel valore delle parole. Credo, sempre e ancora, che un pezzetto di carta possa creare effettivamente un (nuovo) Mondo. Tra le esperienze lavorative che porterò sempre con me ci sono il mio lavoro di corrispondente per l’ANSA di Berlino e le mie collaborazioni con Leggere: Tutti e Ulisse di Alitalia.
Mi piacciono le piccole cose e le persone che fanno queste piccole cose con amore e passione

error: Sorry!! This Content is Protected !!