Cookie Policy

Recensioni

La Metralli – Del Mondo Che Vi Lascio

Claudio Donatelli

La Metralli sono una band che suona come fosse un’unica persona, il grande affiatamento tra i musicisti rende questo disco un’opera di grande impatto emotivo e comunicativo.

La Metralli è una band che si forma a Modena dall’incontro di Meike Clarelli, cantante, autrice, musicista e Matteo Colombini, compositore e chitarrista. A completare il set di strumenti si aggiungono la contrabbassista Serena Fasulo, la chitarrista Marcella Menozzi, più i collaboratori Jonathan LaThangue alla batteria e Davide Fasulo alla fisarmonica. Il gruppo ha una vasta produzione musicale originale che da più di un anno suona in molti live e in importanti concorsi nazionali, raccogliendo consensi e riconoscimenti. Le migliori cose sono raccolte nel cd Del Mondo Che Vi Lascio, appena pubblicato con la collaborazione dell’associazione Amigdala ed edito da A Buzz Supreme.
Il materiale musicale è il frutto di tanto studio sugli strumenti, sulla voce, sulla composizione e di tanto desiderio di guardarsi dentro. Le canzoni riflettono lo stile personale che Meike e Matteo sono riusciti con il tempo a cucirsi addosso. L’interpretazione si nutre di un approccio jazz, così come gli arrangiamenti di chitarra, invece il cantato è libero, poetico, fuori dagli schemi. A questi ingredienti La Metralli unisce una profonda ricerca nella tradizione della musica europea, come un lungo viaggio che attraversa i profumi musicali da est a ovest.
La nostalgica Farruca della Disobbedienza apre il disco e la poesia estiva di Un Niente di Felicità spalanca le porte ad un nuovo approccio alla musica popolare.
Il riff sporco di chitarra che accompagna Sull’Ultima Vertebra, la contagiosa melodia vocale di Cuore Quantico, l’allegra malinconia delle note di D’Arteria, sono piccoli momenti felici di un album di alto livello espressivo.
La Metralli sono una band che suona come fosse un’unica persona, il grande affiatamento tra i musicisti rende questo disco un’opera di grande impatto emotivo e comunicativo.

About the author

Claudio Donatelli

Claudio Donatelli

error: Sorry!! This Content is Protected !!