Cookie Policy

Sound&Vision

Jason Moran @ JAZZMI

Erminio Garotta
Scritto da Erminio Garotta

Un artista eccentrico, con una capacità di improvvisare che lascia stupiti, eccolo Jason Moran a JazzMI

Un fiume in piena, un cielo pieno di stelle, un temporale che ti coglie di sorpresa e ti lascia bagnato regalandoti sprazzi di sole, un treno che corre impazzito per poi fermarsi candidamente ad una stazione, senza strattoni senza sbalzi, con una soluzione di continuità che lascia
senza parole. Provocazioni, improvvisazioni, nessuna recinzione, nulla può contenere la musica che Jason Moran crea.
Nel contesto della rassegna di JAZZMI, abbiamo provato tutte queste sensazioni ed emozioni nell’ascoltare il pianista americano.
Per nulla a disagio sul grande palco del teatro della Triennale di Milano, dove sono passati mostri sacri della musica jazz, con il solo pianoforte, Jason Moran ha incantato gli spettatori con la sua bravura, ma ha anche lasciato il segno per le emozioni che ha fatto provare al pubblico.
Un artista eccentrico, con una capacità di improvvisare che lascia stupiti, un artista che è stato capace di rilasciare 4 progetti musicali in 18 mesi, e che ultimamente ha, incuriosito dalla storia, ripreso una serie di brani di una banda di soldati Americani che hanno portato il jazz oltre oceano.
Questo e molti altri progetti musicali fanno parte della carriera di Moran, che attualmente è riconosciuto come uno dei pianisti piu’ originali del panorama jazzistico contemporaneo.
RingraziamoJAZZMI, A BUZZ SUPREME e in particolare Fabio Vergani e naturalmente Jason Moran

 

About the author

Erminio Garotta

Erminio Garotta

error: Sorry!! This Content is Protected !!