Cookie Policy

Sound&Vision

Giulia Ananìa @ Monk

Bruno Pecchioli
Scritto da Bruno Pecchioli

Un tripudio di voci e suoni. E facce sorridenti e gioiose.

Gran bello spettacolo ieri sera al Monk (ndr.24.3.107) dove, la cantautrice Giulia Ananìa, ha presentato al pubblico il suo “Come L’Oro”.
Un disco, questo, che rappresenta certamente la naturale evoluzione creativa della poliedrica artista nonchè il suo desiderio di tornare ad esprimersi in prima persona.
Il live si è rivelato fin da subito un vero e proprio spettacolo nello spettacolo: Giulia ha dato difatti vita ad un concerto intrecciato alle performance
visive ed alla poesia urbana con una video-scenografia curata dallo street artist di fama internazionale, Daniele Tozzi.
Tanti, tantissimi gli ospiti che hanno voluto accompagnarla in questa sua anteprima a cominciare dall’amica Paola Turci che, oltre a rivelare che deve proprio a Giulia il titolo del suo ultimo successo sanremese “Fatti Bella Per Te”, legge ed interpreta una bella poesia con protagonista Anna Magnani.
Gradisce il pubblico del Monk ed ecco che, dopo la Turci, è pronto ad accogliere un’altra bella sorpresa: sale difatti sul palco Giorgio Tirabassi che si
inventa strimpellatore e menestrello accompagnando, armato di chitarra, Giulia in due brani.
E poi ancora, fra un pezzo e l’altro, le poesie urbane di Michele Botrugno e l’accompagnamento con la tromba – targata Med free Orkestra – di Francesco Fiore.
Sul palco assieme a Giulia, un consolidato gruppo di strabilianti musicisti: Felice Zaccheo (mandolino elettrico, chitarre), Stefania Nanni (tastiere e synth), Filippo Schinin (batteria), Gian Maria Camponeschi (basso), Dj Stefano 66 K De Angelis (scratch e urban sound).
In chiusura ancora un super ospite: il rapper romano Lucci, leader del collettivo hip hop italiano dei Brokenspeakers con cui, Giulia, forma un bel  connubio intonando gli ultimi pezzi.
Si congeda infine dal suo pubblico col brano che dà il titolo all’album ed è tutto un tripudio di voci e suoni. E facce sorridenti e gioiose.
C’eravamo anche noi e, questo, è il nostro foto racconto della serata.

Articolo e Foto di Bruno Pek Pecchioli

About the author

Bruno Pecchioli

Bruno Pecchioli

Bruno "Pek" Pecchioli. Romano per nascita e tradizione.
Fotografo per consapevolezza e necessità.
Viaggiatore periodico.
Ferocemente dipendente da ciò che meraviglia.
E la musica è meraviglia. Sempre. Until the end.

error: Sorry!! This Content is Protected !!