Recensioni

Geddo: esce “Alieni”

Avatar
Scritto da Red

Eccolo il terzo disco di Davide Geddo, ligure nel DNA, con belle influenze di nuove scene e qualche antico sapore. Di nuovo c’è che del buon ZIBBA si sente la vena quasi ovunque soprattutto quando le sue liriche sembra addolcirsi cercando l’espressione in tonalità scure e meno cadenzate…ma noi siamo di parte dunque cambiamo discorso per riprendere l’imparzialità. Si intitola “Alieni” e per la prima volta, probabilmente in modo più sfacciato che mai, Geddo parla “solo” di ciò che gli accade attorno. Il “solo” virgolettato è di certo una metafora, una scusa, insomma il buon pretesto per raccontarsi al popolo che lo ascolta attraverso il suo sguardo degli altri e della vita che c’è. In queste 14 nuove ballate pop non c’è aria di rivoluzione ma un minestrone di tantissime cose che probabilmente lo hanno influenzato: c’è Ivano Fossati per esempio quando suona “Portami a casa”, soprattutto nei ritmi di tom quando live ci cantava “Treni a vapore”, c’è un certo sentore francese quasi ovunque, nella sua voce e nella scrittura…e in particolare il Paolo Conte torna prepotente quando Geddo ci canta “Non Dirmelo” che tra l’altro ritengo sia il pezzo che suona meglio in tutto il disco, con uno dei rullanti più sexy che abbia mai sentito durante tutto l’ascolto. Tranci di elettornica anche…perchè in questo “Alieni” il pop di Geddo sembra proprio vestirsi di fresca attualità come per esempio nel singolo di lancio “Due” che va per la tangente, lasciando la Francia e l’intimità genovese da una parte e pensando “solo” al commerciantesimo di suoni dell’industria discografica pop. Sempre tenendo ben in vista i suoni acustici di chitarra e di batteria…e che dire della dolce sensualità lounge del “fender rhodes” nel brano “Per ciò che mi riguarda” dove il buon Geddo si avvicina per quel che può al tinte autorali di Daniele Silvestri? Insomma…un nuovo disco e una nuova vita…attendiamo un video di lancio, attendiamo gli sviluppi, attendiamo le nuove scritture di questa lunga storia che il cantautore ligure porta avanti ormai da anni. Uno dei preziosi casi di lunga gavetta, convogliando a se qualità, istinto e belle sensazioni di genuina produzione.

About the author

Avatar

Red

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi