Cookie Policy

News

Estival Nights 2012

estival nights 2012 lugano
Annalisa Nicastro

Estival Nights, la grande musica va in scena a Lugano
Tutto pronto per la seconda edizione del segmento indoor di Estival Jazz che da martedì 6 a sabato 10 novembre il Teatro Cittadella di Lugano propone cinque concerti di assoluto livello mondiale

Tutto è ormai pronto per la seconda edizione delle Estival Nights la rassegna indoor con cui Estival Jazz, la più importante e prestigiosa rassegna musicale della Svizzera italiana, conclude un 2012 ricco di soddisfazioni iniziato con la due-giorni primaverile di Aspettando Estival e proseguito con la scintillante “parade” di Piazza della Riforma a Lugano di inizio luglio dove, per tre sere, sono sfilati alcuni dei più importanti protagonisti della scena mondiale.

Ed è seguendo lo stesso schema della kermesse estiva che gli organizzatori Jacky Marti e Andreas Wyden, hanno impostato le Estival Nights, ovvero cinque intense serate che, nella cornice del Teatro Cittadella di Lugano ospiteranno, da martedì 6 a sabato 10 novembre 2012, altrettanti concerti con musicisti ed ensemble che, ciascuno nel proprio settore, rappresentano degli incontrastati punti di riferimento internazionali.

Concerti che, grazie agli sforzi dei promotori – Estival Jazz, dalla Città di Lugano e la Radiotelevisione svizzera (RSI), artefici del progetto Estival Eventi di cui le “Nights” sono parte integrante ­– vengono offerti agli appassionati a condizioni estremamente favorevoli: il biglietto d’ingresso per ciascuno degli eventi è infatti si soli 20 (venti) franchi.

La serata di apertura delle Estival Nights, martedì 6 novembre, è contraddistinta da un gradito e atteso ritorno sulla scena ticinese: quello di Hiromi Uehara, pianista e compositrice giapponese che dopo aver incantato la platea di Piazza Riforma nel 2011, si ripresenta affiancata dal celebre bassista Anthony Jackson e da uno dei più grandi batteristi contemporanei, Simon Philips: un trio apparentemente “tradizionale” che però di tradizionale ha davvero poco se consideriamo la sua proposta artistica che spazia tra i generi con disarmante facilità alternando momenti di autentica furia interpretativa ad altri in cui il classicistico tocco di Hiromi prende il sopravvento sulla sua grande e geniale abilità improvvisativa.

Dopo l’atteso concerto di Hiromi (che si inizierà a biglietteria chiusa, essendo i tagliandi d’ingresso andati letteralmente a ruba), mercoledì 7 novembre, le Estival Nights proseguiranno con Miles Smiles, progetto che prende il nome da uno storico disco di Miles Davis del 1966, e realizzato da un pool di musicisti che hanno fatto parte della band del trombettista: il chitarrista Larry Coryell, il bassista Ralphe Armstrong, il batterista Omar Hakim, il trombettista e pupillo dello stesso Miles Davis Wallace Roney, l’hammondista Joey Di Francesco e il sassofonista Rick Margitza.

Giovedì 8 novembre spazio poi ad una delle grandi stelle del jazz-soul contemporaneo: Esperanza Spalding, affascinante contrabbassista e cantante di Portland, vincitrice lo scorso anno del Grammy Award nella categoria Best New Artist (una “prima” per un’artista di area jazz) e che con la sua musica spazia dal repertorio classico del jazz alle tendenze più attuali del pop americano.

Venerdì 9 novembre sul palcoscenico del Teatro Cittadella salirà poi una band che da quasi trent’anni è l’assoluto emblema della vocalità gospel-soul: i Take 6, sestetto che oltre ad aver fatto scuola nell’elaborazione dei nuovi canoni della vocalità “black” ha dalla sua un invidiabile record: quello di gruppo-artista più premiato nella storia della musica nera, con un numero riconoscimenti che superano di gran lunga quelli ottenuti da leggende come Ray Charles, Michael Jackson e James Brown (tanto per fare qualche nome…) e che ne ribadiscono l’indiscusso posto nel “ranking” artistico planetario.

La conclusione delle Estival Night sabato 10 novembre, è affidata ad uno dei più innovativi progetti degli ultimi anni, il Touré-Raichel Collective che mette in dialogo uno dei maggiori esponenti della nuova scena musicale israeliana, il tastierista Idan Raichel, con lo straordinario chitarrista del Mali Vieux Farka Touré́, in una sorta di raffronto tra due grandi culture musicali, quella del bacino orientale del Mediterraneo e quella del principale paese dell’Africa occidentale. Un progetto nato per caso in una sala d’attesa di un aeroporto tedesco nel 2008 e che si è progressivamente ampliato tanto da trasformarsi in una delle più innovative e attraenti proposte della scena “world”.

Tutti i concerti delle Estival Nights iniziano alle 20.30 e saranno registrati e trasmessi dalla Rete Due della RSI. I biglietti d’ingresso ancora disponibili si possono acquistare (al prezzo di frs. 20 per ciascuna serata nei punti vendita di www.biglietteria.ch oppure alla cassa serale del Teatro Cittadella di Lugano

Info: www.estivaleventi.ch

About the author

Annalisa Nicastro

Annalisa Nicastro

Mi riconosco molto nella definizione di “anarchica disciplinata” che qualcuno mi ha suggerito, un’anarchica disciplinata che crede nel valore delle parole. Credo, sempre e ancora, che un pezzetto di carta possa creare effettivamente un (nuovo) Mondo. Tra le esperienze lavorative che porterò sempre con me ci sono il mio lavoro di corrispondente per l’ANSA di Berlino e le mie collaborazioni con Leggere: Tutti e Ulisse di Alitalia.
Mi piacciono le piccole cose e le persone che fanno queste piccole cose con amore e passione

error: Sorry!! This Content is Protected !!