Cookie Policy

Sound&Vision

Django Reihnardt festival, Day One

Erminio Garotta
Scritto da Erminio Garotta

Django Reihnardt festival ci ha regalato una bellissima giornata

Siamo nella Milano da bere, quella dello skyline con i grattacieli, quella che sul libro delle facce viene definita come quella “che spinge”.
Zona nord, “alla bovisa” zona che un tempo era tutta un fiorir di fabbriche e di produzioni, ora qualcosa è rimasto, si, ma molto poco. Siamo in un contesto ex industriale, le cristallerie Livellara(1921-2005 ca,), rivalutato, riportato alla ribalta, e qui, negli spazi per nulla angusti, abbiamo partecipato alla prima giornata del Django Reihnardt festival di Milano, prima edizione.
Ma come, direte voi, Django è sinonimo di manouche, gipsy.. cosa c’entra in una vecchia fabbrica, me lo aspetterei in Francia, magari a Saintes Maries de la mer, dove ogni anno si ritrovano tzigani, rom, gitani e lì si che che mi aspetto di trovarlo!
Eppure, il contesto è stato parte molto integrante della prima giornata di festival. le masterclass, le jam session al bar davanti a buone birre e poi i soundcheck i concerti.
Le immagini vi daranno una idea della giornata, ma non basterebbero ore per raccontare le emozioni!
il primo concerto ce lo hanno regalato Paolo Prosperini e Sebastien Giniaux, due virtuosi della chitarra che ci hanno dimostrato come i loro strumenti abbiano una voce che può tranquillamente tener testa a voce umana! Una coppia di artisti giovani che portano avanti questa arte.

Il secondo gruppo, Dario Napoli Modern Manouche project ci ha proposto una chiave più moderna di questa “nicchia”, più “elettrica” ma anche di nuova scrittura, la sua, quella di Dario Napoli. come ci ha spiegato Dario questa arte “Manouche” è molto poco frequentata dalle donne e lui ha cercato di ovviare a questa mancanza inserendo nel suo spettacolo la bella voce di Cecilia Del Bono che ha cantato alcuni brani standard.

Ultimo gruppo la Famiglia Rosenberg con la partecipazione di Tcha Limberger, violinista tzigano nell’anima!
La Famiglia Rosenberg è una delle poche che hanno portato avanti lo stile Gitano e Gipsy, spettacolari e bravissimi.
Ci teniamo a farvi notare che, come vedrete nelle immagini, tutta la musica che viene suonata, viene suonata a memoria, non ci sono spartiti, tutto viene studiato e tramandato.

Ambiente Django Reihnardt festival

Una bellissima giornata, non vediamo l’ora di partecipare stasera al secondo giorno di festival.
Ringraziamo
Klaxon
Parole e dintorni
Manuela Petracca
Spirit de Milan
Maurizio Franco

About the author

Erminio Garotta

Erminio Garotta

error: Sorry!! This Content is Protected !!