Cookie Policy

Interviste Sound&Vision

Cassandra Raffaele @ Maite

dissolvenzelab
Scritto da dissolvenzelab

Se un aperitivo nella splendida Città Alta di Bergamo è occasione per ascoltare Cassandra Raffaele può dirsi evento piacevole. Artista che da anni professa religiosamente il culto della musica, Cassandra si è costruita un mondo originale ricco di carattere e di livello, con un bagaglio pieno di contenuti che puntano dritto a chi ascolta. Scrive, compone, suona: è il suo respiro.
L’abbiamo incontrata per una chiacchierata dopo il concerto del suo “In loop – New Solo Tour”, giunto quasi al termine, al Maite Social Club.

Cassandra Raffaele, siciliana, trent’anni di canto alle spalle, poliedrica, suoni tutto, due album. Cosa aggiungi a questo presunto riassunto della tua vita?
Aggiungerei solo quello che non ho ancora imparato e fatto, che presto farò: addomesticare farfalle. Scherzo. Non saprei. Credo, un’instancabile voglia di fare.

Nei tuoi testi c’è la “bambina che gioca” ormai “adulta che gioca” che continua ad amare la musica. Dici: «La musica è una coperta che ogni tanto lascio cadere…». Un amore indissolubile e che altro?
Sì, è una coperta. Mi rassicura davanti alle mie mille insicurezze. So che c’è, con le note che conosco. Mi dà tranquillità. Ma a volte, mi fa lo sgambetto e mi scopre, facendo venire fuori la mia parte fragile.

Alcuni temi, nelle tue canzoni, sono molto presenti e rivelati con sfumature diverse. Per esempio: l’amore, associato alla delusione, alla rivincita, al colpo di grazia; il viaggio, interiore, meta di liberazione; la donna, il suo mondo…
Sì. Sono momenti e stati vissuti in prima persona o raccolti da storie a me vicine, e per questo, profondamente veri.

Parli anche di «vita artificiale», di «imparare a camminare» o quasi come imperativo dici «svegliati, svegliati e cammina […]». Ti rimproveri qualcosa o caparbiamente ti sostieni e ti incoraggi?
Cerco di trovare nelle canzoni che scrivo, la riserva energetica necessaria a nutrire la “famosa” voglia di fare che, a volte, può incontrare ostacoli. Quest’ultimi sono raccontanti ma accanto, cerco di proporre papabili vie d’uscita. A volte il supporto esterno non è sufficiente. L’unica persona che può fare la differenza, nei momenti difficili, sei tu e la tua autodeterminazione. Senza quella, non si va da nessuna parte.

Nella tua musica e nei tuoi concerti si ascoltano tante note della musica italiana ed estera. Penso a Carmen Consoli, Raphael Gualazzi, The Doors, Portishead per dirne alcune. Nelle tue origini però c’è anche Aretha Franklin e tutto il blues, il Jazz, il Gospel. Continui tu il discorso?
Il blues, il jazz, fanno parte del mio modo di vivere. Sono attitudini, che non riesco a definire genere musicale. Tutto ruota attorno ai miei stati esistenziali ed emotivi, che mi spingono a trovare in quello che ascolto, lo specchio di ciò che sono.

Il tuo ultimo album “Chagall” è diverso, elettronico, variopinto, strano. Sei d’accordo?
Sì, sono io.

Ultimo colpo: il tour?
Il tour è il mezzo più entusiasmante per fare la propria musica. Supera tutto. Se fosse per me, sarebbero sempre dei “never ending tour”. Ultimerò a breve le tappe in acustico “In Loop” e dopo partirà l’ultima trance di date con il Power Trip, in trio, accompagnata da Bruno Farinelli alla batteria e da Marco Dirani al synt bass e basso. Dopo l’Estate mi fermerò per un po’.

Intervista di Gianluca Riva
Foto di Rosalba Amorelli e Gianluca Riva


About the author

dissolvenzelab

dissolvenzelab

dissolvenzelab nasce dal desiderio di un gruppo di fotografi di allontanarsi dalla dimensione individuale tipica di chi pratica la fotografia per farne invece un progetto collettivo. Attraverso la relazione e lo scambio, siamo un laboratorio di formazione permanente, e nella ricerca di progetti fotografici condivisi concretizziamo il dissolversi di ogni blocco che mina la creatività e fossilizza il nostro punto di vista .Ogni scatto selezionato e' il frutto di una sintesi collettiva. Il metodo partecipativo che accomuna Dissolvenze Lab a SOund36 ha generato la scintilla da cui nasce questa preziosa collaborazione

error: Sorry!! This Content is Protected !!