Sound&Vision

Be Forest @ Retronouveau, Messina

Gianni Vittorio
Scritto da Gianni Vittorio

Il tema conduttore dei Be Forest è il buio, inteso metaforicamente come ricerca di se stessi, conoscere i propri limiti per poi superare gli ostacoli.

Giunti al loro terzo album, i pesaresi Be Forest si presentano sul palco del Retronouveau di Messina con la voglia di emozionare il pubblico presente.
 E cosi sarà. La band è composta da Costanza Delle Rose (voce e basso), Nicola Lampredi (chitarra), ed Erica Terenzi (voce e batteria).
 Il sipario si apre con Atto I, brano strumentale tratto da Knocturne, che verrà suonato integralmente. Infatti l’esibizione si concentra principalmente sul loro ultimo lavoro in studio. Il tema conduttore è il buio, inteso metaforicamente come ricerca di se stessi, saper conoscere i propri limiti per poi crescere e superare gli ostacoli che la vita ci presenta. 
Interessante il gioco di luci e di ombre che rende il live molto suggestivo.
 “I’m waiting myself hidden somewhere in my heart”, canta Bengala. Suoni cupi e riverberi di chitarre sono il focus del sound dei Be Forest. Si passa dall’incalzante Gemini, con un basso che richiama i Cure di Pornography, alla cadenzata Sigfrido. Nel finale va menzionata la bellissima ed oscura You, Nothing. 
I discepoli della dark-wave ringraziano.
Articolo e Foto di Gianni Vittorio.

About the author

Gianni Vittorio

Gianni Vittorio

error: Sorry!! This Content is Protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Con questo sito acconsenti all’uso dei cookie, necessari per una migliore navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su https://www.sound36.com/cookie-policy/

Chiudi